Riqualificazione di Via Leopardi con sostituzione delle essenze arboree

Un approfondimento sull’intervento in corso in questi giorni (relazione agronomica in allegato)

Data:
21 Giugno 2021
Immagine non trovata

È iniziato un intervento di riqualificazione in Via Leopardi che prevede la rimozione con rinnovo delle essenze arboree (Lecci) lungo la via. Il lavoro è stato preceduto da un'approfondita analisi sullo stato di salute delle piante, che ha evidenziato la necessità della loro sostituzione.

Dalla relazione in allegato: "...un viale alberato, costituito esclusivamente da esemplari di Quercus ilex (leccio), ubicato in via G. Leopardi nel territorio comunale di Pedaso (FM), a poche decine di metri dal mare, pertanto particolarmente trafficato da residenti e turisti con alberi con anomalie, difetti che non possono essere affrontate mediante cure colturali dato che sempre più nel verde urbano occorre provvedere al rinnovo delle alberate per garantire la perpetuazione dell’infrastruttura verde (ABSTRACT di “LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI PATRIMONI ARBOREI PUBBLICI”).
Gli esemplari vegetano in pieno centro urbano, radicando in aiuole aventi dimensioni di 1 m x 1 m ca., ricavate sul marciapiede da ambo i lati della strada e a pochi metri dalle abitazioni retrostanti, con le quali gli alberi risultano in conflitto (potenzialmente per l'apparato radicale e realmente con le chiome). Il viale ha già subito una'alterazione significativa dato dal disseccamento di circa 6 esemplari di lecci nel corso degli anni, lecci abbattuti e non ancora sostituiti.
Considerando la vicinanza dal mare, nonché le condizioni fisiologiche e vegetative stentate degli alberi di seguito descritte, si ipotizza nel sottosuolo la presenza di una falda freatica superficiale, caratterizzata da una elevata presenza di sodio, dovuta all'infiltrazione di acqua marina (cuneo salino). Tale fattore incide negativamente sullo sviluppo degli esemplari, compromettendo innanzitutto la presenza di ossigeno nel suolo, una degradazione dello stesso verso condizioni asfittiche e l’assorbimento di nutrienti dal terreno da parte dell’apparato radicale.

Ultimo aggiornamento

Lunedi 21 Giugno 2021